GlaxoSmithKline: storia di best practice.

Il nove di ottobre, presso la Sala degli Atti Parlamentari, nel Senato italiano, si è tenuta la conferenza internazionale, dal chiarissimo e inequivocabile titolo, “Global Health: l’Italia driver di best practice“.

(adesso non fate finta di non aver capito, eh!)

Appurato il focus (ovviamente comprensibile) dell’argomento, osservare gli ospiti coinvolti, rappresenta lo step successivo per riconoscere la bontà dell’evento.

Ecco, come ad esempio, il professor David Salisbury, Associate Fellow Global Health Security presso la Chatham House The Royal Institute of International Affairs di Londra, diventa l’ospite d’onore, affiancato per l’occasione dal sicuramente utile Ambasciatore d’Australia (tale Greg French) o dall’onnipresente Walter Ricciardi (questa volta presentato nel ruolo più altisonante e autorevole di Member of The Executive Board presso la World Health Organization) spiccano i nomi meno noti (per chi non è del settore) di Rino Rappuoli e Allan Saul.

L’uno è Chief Scientist & Head of External Research and Development (R&D) l’altro direttore del Vaccines Institute for Global Health. Nulla di male, se non fosse che entrambi lavorino presso la GlaxoSmithKline (GSK).

E potevamo anche chiudere un occhio su questa particolare coincidenza, se non fosse, che l’intera conferenza è organizzata con la collaborazione proprio della GSK.

(vedere per credere)

Per molti rappresenta ancora l’ordinario che, conferenze di questo tipo, abbiano sponsor così illustri (e, ahimè, non dovrebbe stupire ancora molti) ma rimane comunque singolare che, nonostante la sicura buonafede degli organizzatori, si desume che, a sunto di tale incontro, ci siano ampia sintesi in tweet come questi:

Se Rino Rappuoli, che ricordiamo ancora essere un dipendente della GSK, cura (giustamente) gli interessi dell’azienda che lo paga, afferma che si dovrebbe spendere di più in prevenzione (sottile allusione al fatto che si dovrebbero acquistare più vaccini, possibilmente a marca GSK), nella cornice del Senato della Repubblica, assemblea legislativa che costituisce al 50% il Parlamento italiano, tutto ciò assume un contesto a dir poco grottesco.

GlaxoSmithKline è una delle 10 realtà più grandi al mondo nel settore farmaceutico (nel dettaglio, viene subito dopo Pfizer, Novartis, Roche, Sanofi, Merck, Abbott Laboratories, Allergan, AstraZeneca e McKesson), oltre ad essere la 194ª, in assoluto, ad azionariato diffusa nel mondo. Ha sede nel sobborgo londinese di Brentford (Hounslow) e nasce nel 2000 tra la fusione della Glaxo Wellcome e della SmithKline Beecham. Nel 2016, GSK, dichiarava per la parte di fatturato relativa a vaccini e altri farmaci ben 20,696 miliardi di sterline (pari al 58% del fatturato totale).

Ma non c’è assolutamente intenzione di decantare i successi economici del colosso britannico, quelli possono essere tranquillamente letti sul loro sito. Quello che sicuramente non troverete scritto, sono le condanne subite da GSK (prima e dopo la fusione). È un buon modo per conoscere chi, con molta prepotenza, suggerisce come e dove, convogliare la spesa pubblica italiana:

  • Nel Luglio del 2012, la GlaxoSmithKline, viene condannata dal tribunale degli Stati Uniti per il più grande caso di frode sanitaria (3 miliardi di dollari) per promozione illegale e uso non autorizzato di due antidepressivi (Paxil e il Wellbutrin) e scorretta indicazione sulla sicurezza per Avandia;
  • Nel 2002 la Food and drug administration (FDA) accusa la GlaxoSmithKline di aver fornito false informazioni circa la Paroxetina, violando i codici di condotta. L’antidepressivo, utilizzato dal 1992, venne venduto per oltre 10 anni come farmaco “non inducente a dipendenza” ma nel 2001, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si esprime in senso opposto, affermando che la Paroxetina produce effetti anche peggiori della dipendenza. Circa 5 mila cittadini statunitensi fecero causa e nel 2004, l’azienda, sarà costretta a pagare 2,5 miliardi di risarcimento per frode sanitaria. Solo nel 2008 la GlaxoSmithKline ammetterà che il farmaco provoca seri sintomi di dipendenza. Tra i reati imputati figura la deliberata e sistematica soppressione dei risultati sugli effetti collaterali della Paroxetina, oltre, al ben più grave, occultamento dell’efficacia sui bambini;
  • Marzo 2007, la GlaxoSmithKline è condannata al pagamento di 217 mila dollari per reiterata falsificazione dei dati scientifici e la produzione e vendita, con segni mendaci, in riferimento alla mancanza di vitamina C nel succo di frutta vitaminico Ribena. Fatto molto curioso della vicenda, fu lo smascherato della truffa da parte di due studenti di 14 anni di Auckland, durante una ricerca scolastica (i test ufficiali, successivamente, confermeranno il tutto);
  • Il Dipartimento di Giustizia americana condanna, nel 2010, la GlaxoSmithKline al pagamento di 150 milioni di dollari (oltre a 600 milioni per risarcimenti civili) per produzione di farmaci adulterati, attraverso la sua sussidiaria, la SB Pharmco Puerto Rico, per mancanza di sterilità nelle soluzioni iniettabili. Nella succursale di Puerto Rico, infatti, l’inopportuno sistema di aerazione e idrico, provocò la contaminazione ambientali, compromettendo la sterilità degli iniettattabili anti-cancro. Solo nel 2005, le autorità, confiscano prodotti per 2 miliardi di dollari: la più grande mai avvenuta nel settore farmaceutico;
  • Nel 2013 la GlaxoSmithKline fu condannata per frode al consumatore e al pagamento di 88 milioni di dollari per aver sovraprezzato due suoi prodotti (l’antidepressivo Paxil e lo spray nasale Flonase), venduti oltre il prezzo stimato;
  • Nel 2003 la GlaxoSmithKline venne riconosciuta colpevole di frode fiscale per 7,8 milioni di dollari a causa di tasse arretrate e i relativi interessi. La più alta condanna registrata nella storia delle tasse arretrate statunitensi, ai tempi della condanna;
  • Nel 2002 è invece il tribunale tedesco a condannare la GlaxoSmithKline per corruzione di funzionari, medici e altre figure nel panorama farmaceutico, per favorire la prescrizione dei propri farmaci;
  • Nel 2004 è la volta dell’Italia (memoria corta per il nostro governo, sic!) portare in tribunale la GlaxoSmithKline GSK per corruzione sanitaria. La Guardia di Finanza accusa oltre 5000 persone (tra cui 273 impiegati della GSK) di aver speso 152 milioni di euro per medici e farmacisti, in un complesso sistema illegale, attuo a favorire la prescrizione dei farmaci del colosso britannico;
  • In Argentina, nel 2012, la GlaxoSmithKline viene costretta al risarcimento di 400 mila pesos per aver estorto, dietro pagamento monetario, il consenso genitoriale durante dei trial clinici, per alcuni minorenni, per un potenziale nuovo vaccino contro la malaria. Quattordici bambini morirono durante la sperimentazione, inoltre, il consenso fu ottenuto pagando congiunti senza una reale patria potestà, spesso rivolgendosi presso zone in cui la popolazione è più povera e disagiata, con molteplici casi disperati di genitori costretti a “vendere” letteralmente i propri figli o minorenni a loro volta improbabili genitori o altri con problemi di natura mentale;
  • Luglio 2013 il governo cinese condanna la GlaxoSmithKline per corruzione reiterata e sfruttamento alla prostituzione, chiedendo un risarcimento di 3 miliardi di yuan (circa 380 mila euro). Tangenti, regali e prestazioni sessuali per medici e dirigenti d’ospedale per garantire prescrizioni mediche per farmaci per i propri pazienti a marca GSK;

Tutto ciò descritto è ovviamente nella speranza e augurio che, la prossima conferenza internazionale, possa vantare una collaborazione certamente migliore.

Un pensiero riguardo “GlaxoSmithKline: storia di best practice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...